Piano nazionale integrato per l’Energia e il Clima: inviata la proposta a Bruxelles

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha inviato oggi alla Commissione europea la Proposta di Piano nazionale integrato per l’Energia ed il Clima (PNIEC), come previsto dal Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio 2016/0375 sulla Governance dell’Unione dell’energia. Il Piano è strutturato secondo 5 dimensioni: decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza energetica, mercato interno dell’energia, ricerca, innovazione e competitività.

 

Continua a leggere sul sito del MISE.

 

Crippa: “Ppa con aggregatore pubblico e progetti pilota sulla PA”

Sui Ppa restano ancora diversi aspetti da chiarire (QE 17/12). Ma una cosa è certa: il Governo intende assegnare allo Stato un ruolo di “spinta iniziale”, non solo con la piattaforma e l’aggregatore pubblico, ma anche tramite “progetti pilota sulla Pubblica amministrazione” che costituiscano “un esempio” sul quale costruire nel nostro Paese i presupposti per lo sviluppo dei contratti di lungo termine delle Fer.

 

Continua a leggere su: QuotidianoEnergia.it

La BERS smetterà di finanziare carbone e petrolio

Stop agli investimenti nel carbone e nell’esplorazione di nuovi giacimenti petroliferi, in modo da concentrare le risorse sulle tecnologie pulite, senza però dimenticare il gas: la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS o nell’acronimo inglese EBRD, European Bank  for Reconstruction and Development) ha appena annunciato la strategia che guiderà le sue operazioni finanziarie nel campo dell’energia per i prossimi cinque anni, dal 2019 al 2023.

Continua a leggere su: QualEnergia.it

L’Europa vuole un “impatto climatico zero” nel 2050

Sviluppare un’economia europea “a impatto climatico zero” è l’ambizioso traguardo della strategia 2050 appena presentata dalla Commissione Ue.

Il documento è stato preceduto, in queste settimane, dalle richieste di alcuni Stati membri e poi di alcune multinazionali che hanno sollecitato Bruxelles a includere almeno uno scenario per l’azzeramento totale delle emissioni inquinanti nei prossimi decenni.

Continua a leggere su: Qualenergia.it

Pacchetto Energia Ue, ok anche al regolamento rischi

Va verso l’approvazione finale un altro provvedimento del corposo Clean Energy Package presentato dalla Commissione Europea nell’autunno 2016.

Dopo l’entrata in vigore lo scorso 9 luglio della direttiva sulla prestazione energetica degli edifici, gli accordi e la ratifica al Parlamento delle direttive su rinnovabili, efficienza energetica e governance dell’Unione energetica si è raggiunto un accordo al trilogo anche sul regolamento sulla preparazione ai rischi nel settore elettrico (link in basso).

Continua a leggere su: Quotidianoenergia.it

Cambiamento climatico. Mattarella: «E’ la sfida chiave del nostro tempo»

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato la dichiarazione “Iniziativa per una maggiore ambizione climatica” con altri Capi di Stato e di Governo, in vista e in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP 24) in programma, dal 3 al 14 dicembre 2018, nella città polacca di Katowice.

Continua a leggere su: Oggigreen.it

WWF: Sulla decarbonizzazione ora si deve fare sul serio

Il Piano Nazionale Energia e Clima, la cui bozza va ultimata dal Governo entro dicembre, è l’occasione per identificare e rendere operativi le politiche innovative e gli strumenti necessari per attuare l’Accordo di Parigi nel settore energetico, in particolare su energia rinnovabile, efficienza energetica e uscita dal carbone (a cominciare dal settore elettrico). Questa l’indicazione del WWF che ha redatto uno studio per identificare le politiche necessarie a intraprendere con decisione la strada della decarbonizzazione. Continua

Ronchi: dagli investimenti su energia e clima possibili 900 mila unità di lavoro in 5 anni

Secondo il presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile «la riallocazione dei sussidi negativi e neutrali per l’ambiente è certamente una priorità»

“Siamo in attesa di misure importanti: il nuovo decreto sulle rinnovabili, la risoluzione delle questioni aperte per l’End of Waste dopo una sentenza del Consiglio di Stato, il recepimento delle nuove Direttive europee sui rifiuti e l’economia circolare e il Piano delle misure per l’energia e il clima. Questo pacchetto farà capire qualcosa di più della direzione di marcia di questo governo in materia di sostenibilità e green economy.”

Continua a leggere su: Greenreport.it